Come Scegliere un Proiettore

Quando scegliete un proiettore, spesso lo fate senza chiedervi se una maggiore luminosità sia sempre meglio. Così vale la pena analizzare se ne avete realmente bisogno.

Utenti Home Cinema – la luminosità non è veramente importante per l’Home Cinema, ragione per la quale ci sono ben pochi proiettori di qualità per Home Cinema che superino i 1200 ansi lumen.
La migliore cosa da fare è senz’altro ridurre, per quanto possibile, al minimo la possibilità che la luce ambientale vada direttamente a cadere sulla superficie su cui proiettare e prendere un proiettore per Home Cinema che abbia un alto contrasto e un buon processore video.
Per altri scopi – per l’uso del proiettore per altri scopi, di seguito appaiono altri dettagli e suggerimenti per indirizzare verso la scelta più adeguata alle proprie esigenze.

Elementi Basici sulla luminosità

La Luminosità è espressa in Ansi Lumen

ANSI, American National Standards Institute, che sperimentò un metodo per la misurazione della Luminosità. Ma lasciò un piccolo spazio all’ “interpretazione scientifica”. Di conseguenza, i 1000 Ansi lumen di una marca non saranno probabilmente uguali ai 1000 di un’altra, per cui meglio non prendere le dichiarazioni di luminosità troppo alla lettera.

L’altra nota importante è che il proiettore non può rendere la superficie su cui si proietta più scura di quello che è. Quindi, la luminosità (o sua mancanza) che vedrete sullo schermo mentre non viene proiettato nulla sopra di esso, corrisponderà al massimo nero che sarà possibile ottenere dal proiettore.
Il punto è che, a meno che non si sia provveduto ad oscurare l’ambiente, la superficie su cui proiettare non apparirà nera, bensì avrà tonalità di grigio, dipendendo da quanta luce naturale o artificiale vi sia nell’ambiente.
Quindi, pur ottenendosi i migliori risultati attenuando o eliminando la luce ambientale diretta sullo schermo, può essere comunque opportuno comprare un proiettore più luminoso se ad esempio si deve presentare un lavoro ad un pubblico presente e si desidera un certo grado di luce per avere un contatto visivo con i presenti.

Come scegliere la luminosità adatta alle vostre esigenze

Nello scegliere quanti ansi lumen debba avere il proiettore, bisogna tenere presenti tre fattori essenziali
Luce ambientale è il fattore di maggiore considerazione.Se al momento in cui dovete decidere,non sapete esattamente quanta luce troverete nell’ambiente dove andrete a proiettare, allora è consigliabile un proiettore con un’alta luminosità (1500 – 2500 ANSI lumen).
Dimensioni dello schermo. Quanto più è grande l’immagine che andrete a proiettare, tanto minore sarà la luminosità su ogni cm2 dello schermo. Specialmente se andrete su schermi di ampiezza superiore a 200 cm, allora si dovrà porre attenzione alla luminosità di conseguenza.
Soggetti di proiezione. Se il soggetto proiettato contiene dettagli e particolari che tutti devono vedere, allora è consigliabile una buona luminosità. Al contrario se il soggetto sono delle semplici lettere in neretto, allora la luminosità non è una priorità.
Nota a margine: un altro fattore potrebbe essere il numero di presenti come pubblico, ma con le nostre pellicole il problema non si pone in assoluto.
La maggior parte dei proiettori prodotti dall’inizio del millennio hanno circa 1000 Ansi Lumen, livello che è più che adeguato alla media degli ambienti che possono ospitare fino a 20 persone. Comunque, se c’è molta luce ambientale e non volete chiudere le tende (o se c’è un pubblico consistente) potrete optare per un proiettore tra i 2000 e i 3000 Ansi Lumen, tenendo in conto ovviamente che ciò vi costerà di più, ma disporrete in tal modo di una maggiore flessibilità in quanto a potenza e quindi a versatilità.

La risoluzione del proiettore SVGA e XGA

Risulta essere un’altra domanda frequente quella relativa alla risoluzione d’immagine che offre il proiettore, anche perché essa incide sul suo prezzo finale.

Cos’è il SVGA, XGA e SXGA?
Questi sono i principali standard di risoluzione. La risoluzione corrisponde al numero si “Pixels” che un proiettore è capace di proiettare. I Pixels sono i singoli punti che formano l’immagine su uno schermo (TV, Pc,ecc..). SVGA, XGA e SXGA sono termini che descrivono risoluzioni utilizzate da Pc e proiettori.
WVGA, WSVGA e WXGA sono termini che descrivono le risoluzioni comuni utilizzate dai proiettori Widescreen di Home Cinema ( in proiezione 16:9).

La risoluzione in relazione ai proiettori

Ogni proiettore ha una Risoluzione “nativa” (chiamata anche “Risoluzione Vera”). Essa corrisponde al numero massimo di pixels che può proiettare individualmente. Così ad esempio un proiettore SVGA può proiettare solo 480,000 pixels alla volta.
Può sembrare molto ma se si prende un tipico schermo di proiezione di 2 mt. di ampiezza, ogni pixel va ad avere ¼ di cm. di ampiezza, laddove con un proiettore XGA l’immagine sarà di meno di 1/5 di cm., venendo mostrati quindi ben il 60% di pixels in più. Questo significa che l’immagine sara più definita e meno “bloccata” quando si utilizzerà un proiettore XGA.

La domanda allora è se la risoluzione incide solo sulla definizione dell’ immagine

No. Influenza anche la compatibilità tra il proiettore ed il vostro Pc. Se il Pc invia un segnale di tipo XGA al proiettore che è di tipo SVGA, questo può causare più di un problema. La maggior parte dei proiettori ha una tecnologia di compressione. Così l’immagine è comunque visibile ma con notevoli problemi di stabilità.
Bisognerà anche considerare l’investimento di lungo termine che state facendo con l’acquisto del proiettore. La maggior parte dei Pc oggi in commercio offre una risoluzione standard di tipo VGA, mentre il SVGA è meno comune. Per questa ragione è prferibile un proiettore con uno standard SVGA.

Come posso sapere di che tipo di standard di risoluzione è dotato il mio Pc

Basta andare a “Pannello di Controllo” e selezionare “schermo”. Poi ciccare su “Impostazioni”. In basso a sinistra si leggerà la “Risoluzione dello schermo”. Se è 800 x “600” , allora sarà uno standard SVGA. Se è invece “1024 x 768” sarà allora uno standard XGA. Se infine “1280 x 1024” sarà allora uno standard SXGA.
(Utenti Mac: Su Apple Macintosh, andare alla sezione Monitor su Impostazioni di Controllo. Anche lì si troverà una indicazione simile a quella sopra descritta.
Se il vostro Pc sta in modalità SXGA, probabilmente noterete che il prezzo di un proiettore SXGA supera il beneficio che avreste nell’utilizzarlo per le vostre presentazioni. In questo caso , semplicemente adatterete la modalità di risoluzione del vostro Pc quando utilizzerete il vostro proiettore.

Posso cambiare solo la modalità di risoluzione e comprare un proiettore SVGA

Sì, ma in questo caso perdereste in nitidezza e avreste l’inconveniente di controllare che il vostro Pc sia sempre in modalità SVGA per le vostre presentazioni.

Se il mio Pc usa SVGA, la modalità XGA è comunque meglio per me

Sì. Un proiettore XGA supporterà un’immagine SVGA senza distorsione, ma avrete più flessibilità nell’usare soluzioni differenti e il vostro proiettore sarà meno sensibile ai progressi tecnologici e quindi più aggiornato. Anche se molti clienti non vedono in tutto ciò una giustificazione sufficiente alla differenza di prezzo nell’acquisto di un proiettore XGA.

Compressione XGA e SXGA 

La maggior parte dei proiettori accetterà una risoluzione superiore a quella della loro “Risoluzione Nativa” ma “comprimeranno” l’immagine del computer in un numero di pixels inferiore. Il risultato è che alcuni dei pixels del Pc vengono “condivisi” nei pixels che il proiettore trasmette. Questo è meno importante per foto video, perchè si nota poco, ma è diverso il discorso con un testo, specialmente di piccole dimensioni, come illustrato nell’esempio qui sotto:

L’esempio simula come un proiettore SVGA riproduce un testo in XGA utilizzando due diversi tipi di compressione. Il secondo esempio è più comune nella maggior parte dei proiettori . Alcuni produttori di proiettori utilizzano una migliore tecnologia di compressione (ad esempio la NEC) che riproduce il testo avvicinandosi alla qualità della scritta nella parte superiore dell’esempio.(NB: Il testo è stato ingrandito per illustrare questo punto).

Indice di Contrasto

Il Contrasto non è meno importante della Luminosità. In poche parole è la misura della capacità del proiettore di rendere il colore nero , il più nero possibile. E’ un particolare importante specialmente per l’Home Cinema.
Mediamente un indice di contrasto è di circa 400:1 per i proiettori LCD, mentre alcuni proiettori DLP hanno un indice di contrasto fino a 4000:1.

Peso

Attualmente c’è una grande varietà di proiettori con un peso che può variare dai 0,9 KG e che possono essere facilmente trasportati. Tuttavia i modelli tradizionali hanno più caratteristiche e rappresentano un miglior investimento se il proiettore rimane stabile in un ambiente.

Data and video input

Per la trasmissione di segnali TV/Canali satellitari, segnale Pc, DVD, è necessario verificare quanti ingressi dati e video offre il proiettore.

Casse Audio

Se avete necessità di proiettare con suono annesso, potete collegare il vostro Pc o fonte video ad un amplificatore, oppure utilizzare le casse audio interne al proiettore. 1 watt mono è normalmente lo standard per la maggior parte dei proiettori poiché essi sono principalmente apparecchi per la riproduzione video. Può essere una potenza sufficiente per un ambiente con un pubblico tra le 20 e 30 persone se l’audio è solo un discorso al microfono. Se desiderate qualcosa di più impattante potete pensare a un proiettore di 2.5 – 3 watt di potenza audio, o considerare l’opzione amplificatore.

Correzione della distorsione trapezoidale

“La Distorsione trapezoidale” è il nome dato all’effetto sull’immagine che deriva dalla taratura del proiettore al di sopra o al di sotto del centro dello schermo. La correzione della distorsione trapezoidale controbilancia quest’effetto comprimendo digitalmente l’immagine nel basso o in alto, ottenendo come risultato un’immagine più centrata e professionale.

Regolazione delle lenti

La regolazione delle lenti è una caratteristica solitamente tipica dei proiettori ad lato rendimento o dei modelli speciali per Home Cinema. La regolazione ha un effetto simile a quello della correzione della distorsione trapezoidale con la differenza che l’effetto aggiustamento è ottenuto regolando fisicamente l’angolo di proiezione delle lenti per quadrare meglio l’immagine. Questo è un metodo migliore per rendere più centrata l’immagine, in quanto con la regolazione delle lenti la correzione è ottenuta otticamente (piuttosto che digitalmente) non comportando perdita di qualità dell’immagine.
La regolazione delle lenti può essere utile anche per rifinire e ottimizzare la posizione dell’immagine proiettata sullo schermo.

Digitale per i documenti

Alcuni proiettori, principalmente della marca Toshiba, hanno una digitale incorporata che trasmette direttamente le immagini al proiettore. Ciò è utile quando avete documenti da mostrare al vostro pubblico ma non avete tempo per scannerizzarli e aggiungerli alla vostra presentazione.

Ore di durata di una lampada

Una lampada mediamente dura circa 2000 ore di proiezione. Ciò si traduce in u gran numero di presentazioni. Considerando un costo minimo della lampada di 200 euro e un massimo di 700 circa, si ottiene un costo medio tra i 12 ed i 40 centesimi per ora di proiezione. Proiettori con durata di vita media della lampada più alta, sicuramente vi daranno meno problemi nel bel mezzo di una presentazione quando il proiettore ha già un utilizzo avanzato. Tuttavia, per tutti i proiettori , un colpo secco può mettere fuori uso la lampada, a prescindere dal tempo di utilizzo della stessa già passato. Anche i fattori ambientali possono incidere sulla durata della lampada. Risulta essere quindi opportuno avere sempre una lampada di ricambio.

Scelta tra LCD o DLP

Fino a pochi anni fa i proiettori venivano quasi tutti prodotti con tecnologia LCD, dove la lampada veniva filtrata attraverso pannelli LCD di colore rosso , blu, e giallo per riprodurre un’immagine con tutti i colori. Questo comporta che il corpo del proiettore deve essere abbastanza ampio da contenere tutti i componenti necessari, ciò che si traduce in dimensioni consistenti.
Successivamente la Texas Instruments sviluppò la tecnologia DLP. Questa converte la luce direttamente in una immagine completa di colori, consentendo la produzione di proiettori con dimensioni minori. Il rovescio della medaglia è che la DLP non offre un’accuratezza di colori uguale a quella della maggior parte dei proiettori con tecnologia LCD cosicché i verdi posson sembrare avvicinarsi di molto ai gialli, ecc.

Prezzo

Ovviamente cercherete di acquistare un proiettore al minor prezzo possibile. Generalmente un XGA avrà un prezzo del 30-40% in più, mentre anche la luminosità e la leggerezza influenzeranno il prezzo. Occorrerà perciò valutare le proprie esigenze prima di effettuare l’acquisto. Per maggiori informazioni sui prezzi è possibile vedere questa guida sui proiettori presente su Opinionierecensioni.com.

Vantaggi della tecnologia DLP e LCD

Come sappiamo due sono le principali tecnologie per la proiezione: DLP (Digital Light Processing) e LCD (Liquid Crystal Display). Si riferiscono ai meccanismi interni utilizzati per comporre l’immagine.
Ognuna offre dei vantaggi rispetto all’altra che cercheremo di capire.

Tecnologia DLP

Digital Light Processing™ è la unica soluzione esistente al mondo per la riproduzione d’immagine completamente digitalizzata. DLP™ usa un semiconduttore ottico, conosciuto come Apparecchio Microspecchio Digitale.

Vantaggi della tecnologia DLP

1) Un effetto d’immagine più omogeneo perché i pixels sono più vicini tra loro. La differenza non è tanto evidente con immagini di riproduzione di dati ma offre maggiore uniformità per immagini video.

Un paragone tra una proiezione LCD e DLP per illustrare l’effetto pixel sulle proiezioni LCD.

2) Maggiore contrasto.

3) I proiettori DLP sono generalmente più trasportabili perché sono prodotti con un numero di componenti inferiore.

4) Risulta essere generalmente affermato che i proiettori DLP durino di più dei corrispondenti LCD.

Svantaggi del DLP

1) Minore saturazione del colore (un problema con i dati più che con immagini video).

2) “L’effetto arcobaleno” che appare come un flash momentaneo quando avendo davanti oggetti luminosi si guarda da una parte all’altra dello schermo o quando si volge lo sguardo da un’immagine proiettata a uno schermo spento.
Solo alcune persone vedono questo effetto, che potete constatare voi stessi muovendo i vostri occhi rapidamente da una parte all’altra dello schermo. ù
Ci sono due tipi di proiettori DLP, i meno recenti hanno quattro segmenti sulla ruota dei colori mentre i più nuovi ne hanno sei e girano più velocemente, il che si traduce in un effetto arcobaleno meno evidente ed in una maggiore saturazione del colore.

3) L’ “Effetto alone” o “Perdita di luce”. Può infastidire alcune persone che usano il loro proiettore per l’Home Cinema. Basicamente è un bordo grigio che si vede intorno all’esterno dell’immagine , causato dalla dispersione di luce che rimbalza dai minuscoli specchi sul chip DLP. Può essere una piccola distrazione superabile però ponendo una cornice nera di pochi centimetri intorno allo schermo i modo che l’alone ricada sul bordo. Comunque l’effetto alone è meno evidente sui nuovi chip come il DDR.

4) Generalmente, l’ DLP è una tecnologia migliore dell’LCD per l’Home Cinema. Alcun idei proiettori DLP per l’Home Cinema non hanno virtualmente alcun effetto alone.

Tecnologia LCD

I proiettori LCD (schermo di visualizzazione a cristalli liquidi) contengono tre pannelli LCD separati: uno per il rosso, uno per il verde ed uno per i componenti blu del segnale dell’immagine trasferito al proiettore. Quando la luce passa attraverso i pannelli LCD, i singoli pixels possono essere aperti per permettere alla luce stessa di passare , o chiusi per impedirne il passaggio. Questa attività modula la luce e produce l’immagine che viene proiettata sullo schermo.

Vantaggi della tecnologia LCD

1) LCD generalmente offre una maggiore luminosità di un DLP (vale a dire che una lampada di uno stesso vattaggio produce un’immagine più luminosa in un proiettore LCD che in uno DLP

2) L’LCD tende a produrre colori più saturi. I ogni caso, i color ipiù saturi danno al pubblico la percezione che il proiettore sia più luminoso comunque, anche se il bianco di un DLP fosse più luminoso.

3) Quindi, con un segnale di dati, ponendo un 1000 Ansi Lumen LCD vicino ad un 1200 Ansi Lumen DLP, mostrando un’immagine, il pubblico potrebbe probabilmente preferire l’LCD per la sua maggiore luminosità.

4) L’ LCD tende a produrre un’immagine più nitida (vale a dire migliore messa). Questo può essere attualmente un piccolo svantaggio per il video, perché rende più visibili i pixels.

Svantaggi della tecnologia LCD

1) Un maggiore effetto Pixel.

2) Generalmente più pesante e massiccio, perché ci sono più componenti interni.

3) I Pixels possono diventare permanentemente attivi o inattivi, cioè spenti; ciò può essere irrilevante per un solo pixel, ma fastidioso se il proiettore sviluppi vari pixels di questo tipo.

4) I pannelli LCD possono bruciarsi, e loro sostituzione è in genere molto costosa. Nei proiettori DLP i chips possono guastarsi, ma ciò è più raro, dato che i DLP hanno minori componenti.

Conclusioni

La tecnologia DLP è preferita per l’Home Cinema e per la trasportabilità. C’è anche da dire che la tecnologia LCD ultimamente ha visto molti progressi nelal categoria Home Cinema, con alcuni proiettori con contrasto fino a 10,000:1.
I proiettori LCD sono generalmente migliori laddove sia richiesta una riproduzione di colori elevata, sebbene si sta lavorando per il miglioramento dell’accuratezza dei colori per la tecnologia. Quindi , in conclusione , entrambe le tecnologie sono in fase di costante miglioramento per ridurne i difetti.